Una parola di troppo?

Ci sono volte che vorresti rimangiarti quello che hai appena detto; parole scappate perché eri arrabbiato, o stanco, o triste.
Altre volte invece ti penti di non aver detto qualcosa. Persa l’occasione, chissà se si ripresenterà mai la possibilità di dire quello che pensavi in quel momento.
In entrambi in casi il rovello del detto/non detto ti mangia da dentro.

Questo non dovrebbe mai capitare con la safeword.

Da discussioni con altri ho visto che c’è poca chiarezza sul termine; per me è una parola (o un segnale) di sicurezza, che il Dom o il sub possono utilizzare per interrompere una scena o una sessione per qualsivoglia motivo, dal crampo al flashback emotivo al dolore troppo intenso. C’è chi ne ha di due livelli, una per interrompere momentaneamente e una per interrompere del tutto. Per me vale averne una sola, che interrompe sul momento, permettendo di parlarsi, spiegare che succede e vedere se proseguire o cosa fare a seconda del motivo per cui si è interrotto.

Alcuni, invece, la considerano l’estremo baluardo da non raggiungere mai, perché farlo significa superare le colonne d’Ercole oltre le quali non vi può essere ritorno. Ovvero, si chiude baracca e burattini e non si gioca mai più.
Altri ancora la reputano una sfida: picchiami ma non la dirò mai, costi quello che costi.

Stante che c’è chi la considera così, diverse persone mi hanno detto di considerarla superflua, se non addirittura pericolosa: il Dom gioca fidandosi del fatto che il sub dirà la safeword in caso di bisogno, quest’ultimo invece tiene duro (per motivi suoi) all’infinito… e si arriva a provocare dei danni non auspicabili. La safeword diventa pericolosa perché è un mezzo di sicurezza che può non venire usato.
Per me equivale a dire che un guard-rail è pericoloso perché può esserci chi ci va addosso apposta per vedere se tiene, e magari finisce nel dirupo. Ovvero, viene considerato pericoloso il mezzo e non il comportamento di chi lo usa (o lo dovrebbe usare). Togliere il guard-rail per me non è una soluzione, perché allora il dirupo è più facilmente accessibile anche a chi non vorrebbe avvicinarcisi troppo.

Si dice: ma un bravo Dom capisce se il sub sta male, perché lo sente empaticamente e sa leggere i messaggi non verbali. Ora. Una cosa è l’empatia, un’altra la telepatia. Per quanto ami anch’io pensare al mio Padrone come a un essere soprannaturale che tutto può, non è così: è un essere umano tale e quale a me. Soggetto a sbagliare, anche nelle condizioni migliori possibili.
Per questo c’è (ci dovrebbe essere) la safeword: per passare una parte di responsabilità al sub. Chiaro che la parte più consistente di responsabilità sul buon andamento della sessione rimane al Dom – che è quello con la frusta in mano, quello che non è né legato né imbavagliato e quello che ha il controllo della situazione. Dare la responsabilità della safeword al sub non significa deresponsabilizzare completamente il Dom che allora può pensare “gioco a cazzo di cane, ‘ndo cojo cojo, alla peggio mi dice la safeword”.

Si gioca in due. Chi si affida ha il dovere (verso se stesso e verso l’altro) di affidarsi responsabilmente. Perché senza assunzione di responsabilità anche la consensualità comincia ad avere dei confini labili: posso consegnare consensualmente solo ciò su cui ho giurisdizione; se non sono responsabile di me, quale responsabilità sto donando al Dom?