Insolente

Sono diventata, col tempo, insolente – è questa la parola giusta. Rispondere, essere sarcastica, sicura di me fino alla presunzione; sentirmi superiore senza rendermene conto appieno, e sentirmi a disagio in un qualche modo oscuro, non chiaro. Un malessere interiore indefinito.
Un singolo colpo.
L’ho provocato, oh sì. Nel tempo, ho iniziato a provocarlo, sperando che reagisse; e poi, l’ho provocato perché avevo perso fiducia che avrebbe mai reagito. Sono stata insolente perché non Gli davo credito; e ci soffrivo.
Un singolo colpo.
Un singolo colpo, un urlo e un bagno rovente di umiltà.
Adesso se ci penso non ricordo nemmeno cosa Gli ho detto, che battuta ho fatto, quale risposta insolente ho dato. Ricordo solo di aver fatto la smart-ass, la furbastra, la linguacciuta. Ho voluto fare il mio commento smargiasso.
Ho urlato, ho urlato e mi sono piegata. Mi sono salite tutte le mie lacrime agli occhi e un groppo in gola. Un dolore feroce. Un passo vitale verso il recupero della mia educazione.

Ero arrivata che non sapevo cosa provare, né cosa volevo aspettarmi.
Sono andata via con agli occhi le lacrime della gioia, un violento segno rosso su una coscia e la felicità di aver ritrovato il mio Padrone.
O meglio: di aver ritrovato la me stessa slave. Perché Lui era sempre stato lì.
Con il mio comportamento irrispettoso, disobbediente, ho mancato di rispetto alla mia scelta di AppartenerGli, di essere Sua slave – ed è questa la cosa preziosissima che Lui mi ha fatto capire. Mi ha obbligato ad essere onesta e responsabile con me stessa: è per questo che è così difficile obbedire, ma so che è l’unica cosa che davvero conta, che davvero funziona.

Io sono Sua perché ho scelto di esserlo.

Annunci

Il senso di tutto

“Ah, devo fermarmi a prendere le sigarette”
“Ne ho un pacchetto io, Padrone”

Vederlo con una sigaretta spenta tra le dita.
Porgergli un accendino.

“Prendimi la maionese in frigo”
“Ce l’ho già messa, Padrone”

In quei piccoli istanti si condensa il senso di tutto. Essere lì per Lui, essere pronta, avere imparato; anticipare i Suoi bisogni. Diventa una realtà amplificata, orientata al Suo benessere. La frustrazione più grande è non poter fare nulla per aiutarLo. Un obiettivo fondamentale da raggiungere è sapere come e quando stare fuori dai coglioni: se non si può essere d’aiuto, almeno non essere d’intralcio.
Svegliarsi prima; preparare; inginocchiarsi nel proprio angolo.
La sensazione di essere in equilibrio su una bilancia. Imparare a gestire la distribuzione del peso per portarGli perfetto ordine. Non essere troppo indipendente, ma non troppo dipendente; non presuntuosa, ma non annichilita; ricordarsi qual è il proprio posto.