Regressione

Quando sono da Loro, improvvisamente regredisco ad un’età pre-puberale.
Divento piccola e deficiente, capricciosa e sciocca. Faccio le faccine offese, metto il broncio… insomma agisco a metà tra una bambina di 5 anni e una ragazzina di 12. Divento quasi incapace di ragionare in modo adulto e razionale, di relazionarmi in modo maturo: mi offendo (o faccio l’offesa) e divento permalosa. Ancora di più: non faccio più niente; divento estremamente passiva ed aspetto che mi venga detto cosa fare, o che mi vengano fatte cose.
Una parte di me grida vendetta. Ma come! Sono una persona adulta, intelligente, capace, e mi comporto come un’assoluta scema inetta.
Un’altra parte di me ride, pazzamente divertita dal fare la cretina, dal dire battute imbecilli e venire guardata male. Mi piace fare i capriccini e parlare in modo lamentoso.
In ogni caso, non riesco ad impedirmelo.
Certo, se mi viene affidato un compito od un lavoro che richieda le mie competenze di adulta lo faccio; ma è un momento circoscritto. Preferisco essere piccola (fingere di esserlo).
E’ come se, arrivando da Loro, mi togliessi di dosso la me stessa matura, come fosse un soprabito ingombrante e scomodo; lo ripongo nell’armadio in ingresso e posso finalmente scorazzare come la bimba che sono, dentro. Posso giocare, ed essere il Loro giocattolo, senza pensieri. Quando me ne vado, mi rimetto il soprabito – e in qualche modo è meno faticoso da indossare.

M

Mi passa le mani sulla schiena ed io mi inarco per seguirlo; lo bacio, e mi bacia in risposta.
Abbiamo superato l’essere semplici amici; mi sono proposta io, dopo quasi un anno di valutazioni se farlo o meno, se coinvolgere una persona “normale”, un amico “vanilla”, ad un rapporto di poliamore. Sulle prime ci è rimasto in effetti di sasso; ma si è poi buttato con notevole slancio.
Progressivamente mi passa le mani addosso con più forza; mi preme le dita nelle carni. Gemo, lo assecondo, gli dico sì, di più. Mi graffia leggermente ed io ansimo, e lo incoraggio a provare più forte. Sorride.
Arriccia le labbra e scopre i denti; ha il respiro pesante e le pupille dilatate; i suoi profondi occhi azzurri, puntati saldamente su di me a cogliere ogni mio fremito, mi fanno sentire ancora più nuda e inerme.
Le sue mani si muovono decise, le dita trovano anfratti di me che non conoscevo.
Ansimo e tremo, non credevo di poter godere così; mi afferro a lui, ai suoi vestiti, apro la bocca per gemere e gridare e rovescio la testa all’indietro. Mi succhia le labbra e la lingua e le sue unghie mi affondano nella carne. Il respiro mi si mozza in gola in un singulto: piacere e dolore e di nuovo piacere – il dolore che per me è piacere, il piacere sessuale puro che che mi si irradia dentro da in mezzo alle cosce.
Il primo colpo arriva che non me lo aspetto, ma non è forse sempre così? Mi schiaffeggia forte il seno.
Strillo.
Lui esita; mi guarda e il suo sguardo si fa dolce: “Ti ho fatto male?”, chiede, sinceramente preoccupato.
Lo guardo con occhi liquidi e gli faccio un sorrisone: “Sì – rispondo – e mi piace”.
Lui sorride in risposta, ed il sorriso gli si muta di nuovo in sogghigno; il viso gli si trasfigura nel muso di un predatore, emette fiato dalle narici ed alza nuovamente la mano, caricando il colpo successivo.
Mi lascio soverchiare dai brividi che mi dà il sentirlo sopra di me, espongo il corpo e mi sottometto felice al farmi fare qualsiasi cosa, lasciandomi andare al solo sentire, senza più pensare.

E rotolo ridendo incredula dell’aver trovato e scelto, a caso stavolta, ma di nuovo, un uomo dall’indole dominante.

Vacanze al mare

Cervia, settembre. Spiaggia, sole e vento forte.

Quando sono in spiaggia con il vento, di colpo sono di nuovo quella bambina di 12 anni in vacanza al mare coi genitori; quella che, nel torpore indotto dal sole, sotto la carezza del vento, immaginava situazioni e storie erotiche se non proprio pornografiche, con indizi di un bdsm che ancora non aveva un nome, e si bagnava fino ad avere il costumino fradicio.

La sensazione del vento che mi batte sulla pelle è come essere accarezzata con forza da grandi mani maschili. Mi sento toccata, afferrata e massaggiata tutta, tutta insieme.
Allora mi sorgono immagini, fantasie e ricordi, che mi fanno avere altri brividi, più profondi ed intimi, oltre a quelli del vento che mi increspa la pelle.

Sono sempre stata fisica, vogliosa, affamata; ma mi hanno insegnato che era sbagliato e sporco. Ed io di questa sensazione di sporco ho fatto ulteriore fisicità, diventando masochista e sottomessa, amante dell’umiliazione e della vergogna come viatico di eccitazione.

Amo il vento forte, il getto violento dell’acqua, l’impatto delle fruste, le carezze a mano piena che mi stringono la carne.
Amo il tocco deciso di chi si appropria di me.

Trasgressione

Se c’è una parola che detesto, è “trasgressione”.
Questa parola che viene detta con intenzione, con lo sguardo torbido, con desiderio morboso, ha invece l’effetto di spegnermi qualsiasi voglia. Mi viene da ridere a vedere il tono con cui viene detta questa parola, ad intendere chissà quali cose turpi e vietate dalla morale comune… una parola per rappresentare la propria diversità, la propria unicità rispetto al popolino triste e meschino che si limita ad un rapporto alla missionaria di 2.5 minuti. E che invece per me precipita chi la sbandiera in un’altra mediocrità, quella del sentirsi e mostrarsi, appunto, “trasgressivi”.
Non c’è niente che azzeri l’essere trasgressivi come il dichiararsi tali.
Non appena vi avvicinate e mi dite “ho voglia di trasgressione”, con lo sguardo che vuole essere intenso, e la voce magari bassa come a comunicare un messaggio privato ed esclusivo, non adatto alle orecchie di tutti… ecco, quello è il momento in cui mi si sollevano le sopracciglia e vi metto mentalmente una croce sopra.
Non so perché sono così insofferente a questa parola. Forse perché ciò che vivo non è una fuga dalla quotidianità, ma fa parte integrante del mio essere. O forse perché non faccio certe cose per il puro gusto di mettere una tacca sul fucile, una bandierina sulla mappa, o per vantarmi al bar; ma per vivere con intensità un’esperienza che arricchisca me e le persone che la vivono con me; per crescere, per imparare, per sentire oltre la normale soglia della percezione, per acquisire sempre più consapevolezza di me.
E’ vita, nella sua profonda complessità. Non svilitela chiamandola “trasgressione”.

Piano/forte

Sono stanca, terribilmente stanca. Ho dormito poco e fatto una mattina intensa di lavoro.
Mi dicono: faremo aghi. Subito penso: chissà se reggo. Sono così stanca, e gli aghi non sono proprio “la mia cosa”. Quante volte li avrò fatti? Due? Tre? Non abbastanza da essere tranquilla sulle sensazioni che possono darmi: so che possono darmi fastidio, invece che piacere.
Tuttavia intanto sto zitta, lo tengo per me. Mi dico: vediamo come sto quando iniziamo.
Quando iniziamo lo dico: sono stanca; non so come reagirò. Facciamo una cosa tranquilla, per favore – chiedo. Una cosa più estetica che dolorosa. Facciamo piano, per favore.
Mi siedo, scegliamo un disegno e cominciamo. Un ago alla volta, uno a sinistra, uno a destra.
Non li conto. Dopo forse una decina di aghi la testa comincia a farmisi confusa. Capisco che non capisco cosa mi succede. Alzo una mano: non voglio fermarmi, ma preferirei stendermi, perché forse svengo: sono stanca, e non capisco cos’è questa sensazione. Solo che la testa mi si fa pesante, e mi pare di cadere.
Così mi stendo. Gli aghi entrano: a sinistra sono dolorosi, a destra quasi non li sento, chissà perché. Ma un ago alla volta scendo in una sensazione calda. Come immergermi un gradino alla volta in una vasca di acqua bollente. Sento che è doloroso, ma anche rilassante.
Non so cosa glie lo abbia suggerito; forse intuito da Dominante, o capacità di leggere le sensazioni del sub, o semplice sadismo: mi passa le dita lungo gli aghi inseriti; e poi preme. Preme sugli aghi, sulla carne trafitta; preme forte e mi suona.
Sono così terribilmente stanca. La stanchezza mi diluisce il cervello, e le endorfine entrano da ogni dove. Ho un singulto, poi un altro, poi gemo. Mi rendo conto che emetto gli stessi versi rochi di quando godo, ed in effetti il dolore è intenso e potente come una scarica di piacere. No, non provo piacere in senso sessuale – provo il piacere del dolore. Me ne abbevero e vorrei che non smettesse, che mi precipitasse sempre più a fondo in questo pozzo bagnato e caldo, in quest’acqua torbida che mi lambisce e mi sommerge. La stanchezza gioca con Lui, diventa sua alleata e gli apre le porte del mio essere. Non posso opporre nessuna resistenza. Mi lascio affogare.

Rimango confusa per ore, dopo, a bearmi di questo abbandono, di questa inaspettata sessione di dolore che credevo di non essere in grado di sopportare.
_

Needles Play for Sadists – The Piano from SadicaMente on Vimeo.

Consapevolezza

A giochi finiti, con le luci accese e la normalità che sta riprendendo piano piano possesso di me, Lui copre in due passi la distanza che ci separa e con un ghigno feroce viene col viso a un centimetro dal mio, incombendo su di me che mi sento ancora più piccola.
Dice: “Perché sei…?”
Sobbalzo, arrossisco, abbasso la testa e chiudo gli occhi. Il cuore mi salta in gola e vorrei che la terra mi inghiottisse. Boccheggio, ma raccolgo la voce per rispondere:
“…cagna”.
Lui si rialza, mi dà una brusca carezza sulla testa, sorride e si allontana soddisfatto.
E nonostante sia umiliante e mi vergogni da morire, non riesco a fare a meno di sorridere e di pensare che adoro essere chiamata (e trattata) così.