Ciò che resta

Anche se non mi restano segni
(e quanto li vorrei, ma
ho la pelle refrattaria)
la feroce sensibilità che mi rimane addosso
che mi rende la pelle uno strato di fuoco
che trasforma la stoffa più leggera
in carta vetrata
questa sensibilità mi parla di Te
di quello che è accaduto
di quello che ho provato
– che mi hai fatto provare.

Seppure sembrino così rosa
e tranquilli
i miei capezzoli urlano
un ringraziamento.

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.