Passate le feste

Passato Natale, finalmente.
Un momento in cui bisogna stare con gli altri e divertirsi e condividere e tutto.
Un giorno in cui ho sofferto la lontananza dal mio Padrone.
Sbagliando.

Sì, sbagliando: sapevo che era con la sua famiglia di origine, che sarebbe stato preso, che certo non avrebbe potuto avere molto tempo per me, per mandare messaggi o altro. Invece ho voluto offendermi, dispiacermi, sentirmi abbandonata e lasciata in disparte. Ho voluto star male. Con quale arroganza, peraltro; con quale presunzione. Con il cipiglio adirato di una bimba che fa i capricci e sbatte i piedi.
Eppure pensavo che mi fosse stato già insegnato, a non stare male per niente. E’ una lezione che continuo a dimenticare, sembra.
Naturale che mi sia mancato; sbagliato aver passato la giornata attaccata al cellulare come un’adolescente idiota. Non so forse qual è il mio posto? qual è il mio ruolo?

Così mi sono chiusa, ho messo il broncio di quella trattata ingiustamente e mi sono preparata a passare, oggi, un’altra giornata col muso, incazzata per niente.

Poi, per fortuna, ho fatto la cosa giusta: ho sciolto i lacci del mio cuore e mi sono aperta a un’attesa serena.
Attendere ciò che arriva ed accoglierlo con gratitudine, perché ogni cosa è un suo dono; senza pretendere, senza tirarlo per la giacca, senza capricci. Una piccola ma significativa verità: l’appartenenza non scompare se vivo la mia vita con tranquillità, come non scompare il respiro, anche se non ci penso e non ci concentro ogni fibra del mio essere ogni singolo istante.
Come non scompare l’amore (ma è un’altra storia).

Una volta una ragazza che conoscevo, anche lei slave, mi disse: “Noi slave abbiamo dei caratteri di merda”. Non l’ho mai dimenticato.
Forse è questo che intendeva: sono (siamo?) così terribilmente egocentrica, infantile; una volta che ho l’attenzione di un Padrone vivo per essa, per concentrarla su di me, e mi offendo se non sono sempre sotto il suo riflettore, magari disobbedisco, e pianto il muso perché Lui mi guardi, mi accarezzi, mi punisca.
Anelo a consegnargli il controllo e intanto lo trattengo con tutte le mie forze, come fa un cane quando riporta un gioco: vuol darlo perché lo gestisca il padrone, eppure lo serra tra le mascelle e lo tira per toglierlo dalla sua mano.

Un giorno, però, spero, avrò imparato; e camminerò serena al passo, scodinzolando.

Lascia un commento

Al momento, non c'è nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.