Ricordi sottopelle

E poi c’è una parte di me che apparterrà sempre a lui.

Come un lungo matrimonio, una relazione profonda e duratura, una conoscenza intima: non si cancella né dall’oggi al domani, né in mesi, né in anni. Forse non si cancella mai. Ed è meglio non negarlo, perché a negarlo non si fa altro che dargli ulteriore forza, una forza nascosta, che scava nel profondo come l’acqua che corrode la montagna. Quindi meglio esserne consapevoli, dirlo, nominarlo, e togliergli forza.
C’è un pezzo di me che lo ricorderà sempre, sarà sempre in qualche modo suo. Quel pezzo che mi dice “con lui era così o cosà, e sentivo questo e questo”.

Ciò che ho sentito l’ho sentito, e ciò che ho vissuto l’ho vissuto.
Resterà sempre importante e parte di me.

Ma adesso vado oltre, per altre strade di me, in altre profondità, più oscure e nascoste.

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.