Postumi

Posted by

Il giorno dopo sono ancora assonnata e sorridente. Non sarei mai voluta venire via.

Ho i lividi sul seno e nell’interno coscia, i segni rossi e precisi della frusta sul sedere, un piacevole indolenzimento quando mi siedo o mi passo le mani addosso.

Ma non è solo questo che mi porto a casa dal Kinksters.

Mi porto il brillare negli occhi di chi ha giocato con me, e nei miei. I sorrisi e gli sbadigli, le chiacchiere in coda per il buffet, il caldo diurno e il freddo notturno, la colazione a bordo lago, lo stretching sotto i bambù; la conoscenza condivisa e l’unicità delle storie così simili di ognuno di noi. Il girare nudi e il mettersi in tiro per la sera, il caffè gratis, le performance, i gadget identitari sfoggiati con gratitudine e gioia.

Il sentirmi accolta, riconosciuta, accettata: me stessa senza vincoli e senza filtri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.