Diamante nelle Sue mani

Inspiro, espiro.
Ho lasciato andare il freno a mano. Ho deciso.
Quando arriva sono pronta, mi sento pronta. Tutti i sensi all’erta, rivolti verso di Lui.

Mi piega senza grazia sul piano della cucina.
Non ho più paura: non era paura di Lui, ma di volerlo; di ciò che desidero.

Mi fa spogliare nuda. Mi guarda. “Mi piaci”, dice. Senza volere sorrido, gli occhi bassi.
Il mio corpo è più saggio di me, conosce cose che io non capisco. Il mio corpo arriva prima alla consapevolezza di ciò che desidero, di ciò che mi fa stare bene, mentre il cervello è ancora fermo ad elucubrare, ragionare, ripensare.
Sorrido senza pensarci e quel sorriso indica che gli credo, finalmente.

Dopo, il mio cervello non riesce più a pensare a niente. Un paio di volte ci prova, a mettere il becco. Ma la carne lo travolge. Tutto diventa bianco, silenzioso, ricettivo. Quel chiacchiericcio infinito si ferma, finalmente; riesco solo a rispondere sì, Padrone.
Annaspo, piegata, la faccia affondata nel divano, la benda che mi chiude gli occhi, le gambe larghe e il culo che urla per la fame di colpi che ha. Sento la carne che brucia, che pulsa: ogni centimetro di me grida ancora! ancora!! Mi inarco, mi espongo; mi lascio andare. “Più forte, Padrone, per favore!”, esclamo, senza credere di averlo detto veramente.

La wand mi cade dalle mani, gli occhi bendati mi si girano all’indietro, mugugno qualche verso senza senso; sbavo. Si ferma, mi raccoglie e mi fa stendere sul divano. Riesco ad articolare qualche parola: no, non voglio fermarmi. Mi fa girare a pancia in su, mi mette meglio. Io rotolo, felice che si prenda cura di me. Mi sposta ancora, ancora un po’, la testa mi scende dal bordo mentre il corpo resta disteso. Non capisco, ma mi lascio fare, molle e abbandonata a Lui, ancora convinta che sia una pausa, che siano coccole. Sento un frusciare di vestiti e di colpo è sopra di me; entra e mi usa la bocca.
Ho un singulto: non me l’aspettavo, la testa vortica, il corpo freme. Dentro di me si spegne qualcos’altro, divento oggetto, buco. Annullata, sconvolta, felice.
Poi, ancora: mi gira e sono colpi, graffi, cera, morsi. Mi chiama in ogni modo; stronza, persino. Penso (un pensiero primitivo, lento, in fondo al cervello): me lo merito proprio.

Mi mette a terra, i piedi in faccia. Lo odoro e mi lascio inebriare. Mi nutro di Lui, la lingua di fuori: lecco.
Mi usa ancora e i visceri mi si stringono per l’emozione devastante che sento: sono la feccia della terra, gettata sul pavimento e schiacciata, lurida e schifosa. E Sua.

Sua.

Annunci

Ematonil

“Può servire un master?”

Mi volto a guardarlo. “Mah, oddio, può sempre servire, non si sa mai!”, rido.
Solo il giorno dopo mi viene in mente che la frase di per sé contiene un assunto sbagliato: un master non serve, al massimo si fa servire. Ma non importa.

L’approccio non è dei migliori, forse, ma mi ha fatto ridere e in questo momento ci vuole proprio. Mi propone di giocare ma io non sono esattamente per la quale. Parliamo, propongo: conosciamoci. Mi racconta un po’ di sé, gli racconto un po’ di me; fuma una sigaretta, chiacchiera, sorride. Io rido, scherzo. Sembra simpatico, e ho addosso un mood strano.
Io, che di solito sono estremamente restia ad aprirmi, che valuto e soppeso, che attendo mesi di dialogo, conoscenza, messaggi, mail, che sono sempre sospettosa, impaurita, sto seriamente pensando di giocare con questo tipo, appena conosciuto ad un play party…?
Lo guardo. Mi stai dicendo la verità? Sarai davvero rispettoso dei miei limiti? Posso fidarmi?

Mentre mi inoltro con lui nella zona più buia mi chiedo se non sto facendo una cazzata, quali scappatoie ho, cosa fare se prova a fare qualcosa cui non ho acconsentito. Ma cionondimeno mi piego e mi faccio sculacciare.

Chi sta usando chi?
Si gioca sempre in due.

Mi dà una parola per chiamare basta; poi cala una mano estremamente pesante, che impatta alla perfezione esattamente dove mi piace di più: sul culo. Una chiappa, l’altra. Colpisce, mi risistema quando scivolo e scappo, colpisce ancora. La sua voce diventa più bassa, più morbida. Più minacciosa, anche. Entra in ruolo, ed io con lui.
Colpisce forte, urlo; dopo non so quanto chiamo la safeword per terminare il gioco, anche se so che ne potrei prendere ancora – ma ho timore di essere in subspace e di non saper valutare.
Si ferma. Posso fidarmi.
Fuma un’altra sigaretta. “Altre dieci, dai”, dico. Mi piega: “Facciamo quindici,” dice, “conta. Conta e ringrazia”.
Conto e ringrazio.

Quando mi rialzo ho la testa leggera e il culo dolente. Barcollo leggermente, stordita e sospesa, con un sorrisino che mi aleggia sulle labbra. “Adesso quando ti siedi mi pensi”, dice. Ne sono sicura.
Andiamo a bere una cosa e chiacchieriamo. Ho la gola riarsa dagli strilli e sono grata alla bevanda fredda.

Il giorno dopo ho il sedere rosso; alla sera, viola. Quando mi siedo lo sento. Il lunedì decido di andare in parafarmacia ad acquistare una crema per lenire i lividi, e ogni volta che la metto sorrido incredula: ho davvero giocato ad un play party con una persona conosciuta la sera stessa! Una parte di me insiste che dovrei sentirmi in colpa, o stare male; ma sono stata bene, e voglio che sia questo tutto ciò che conta.

Toxicity

Piegata sulla cavallina, ricevo i colpi. Uno, due, dieci, mille. Chissà. Lui, lei: non lo so e non cerco di capirlo.
Scendo in un subspace talmente profondo che di colpo divento consapevole della musica di sottofondo; il mio cervello si sintonizza su quella e va in loop. I colpi che ricevo si confondono con la batteria, col basso che mi scava nelle budella. Sono da qualche altra parte, e inizio a cantare a bassa voce. E’ un basso mugolio, sorrido con gli occhi chiusi dalla benda e canto, godendo delle endorfine, del dolore, dell’intensità che vivo.

Disorder

Disoooordeeerrrr

Descrivere

Altre volte, durante il gioco assaporavo una sensazione e immediatamente la descrivevo. Nella mia mente si formavano da sole le parole per descrivere poi, in un post, quello che stavo provando. 

Stavolta, no. 

Ci ho anche provato, per un attimo; ma subito l’intensità del gioco mi ha trascinato via. Non ho potuto pensarlo, solo sentirlo. 

Ed ora non ho le parole per descriverlo. Ma solo una calda sensazione che mi culla, e il dolore residuo che mi accompagna palpitante. 

Piano/forte

Sono stanca, terribilmente stanca. Ho dormito poco e fatto una mattina intensa di lavoro.
Mi dicono: faremo aghi. Subito penso: chissà se reggo. Sono così stanca, e gli aghi non sono proprio “la mia cosa”. Quante volte li avrò fatti? Due? Tre? Non abbastanza da essere tranquilla sulle sensazioni che possono darmi: so che possono darmi fastidio, invece che piacere.
Tuttavia intanto sto zitta, lo tengo per me. Mi dico: vediamo come sto quando iniziamo.
Quando iniziamo lo dico: sono stanca; non so come reagirò. Facciamo una cosa tranquilla, per favore – chiedo. Una cosa più estetica che dolorosa. Facciamo piano, per favore.
Mi siedo, scegliamo un disegno e cominciamo. Un ago alla volta, uno a sinistra, uno a destra.
Non li conto. Dopo forse una decina di aghi la testa comincia a farmisi confusa. Capisco che non capisco cosa mi succede. Alzo una mano: non voglio fermarmi, ma preferirei stendermi, perché forse svengo: sono stanca, e non capisco cos’è questa sensazione. Solo che la testa mi si fa pesante, e mi pare di cadere.
Così mi stendo. Gli aghi entrano: a sinistra sono dolorosi, a destra quasi non li sento, chissà perché. Ma un ago alla volta scendo in una sensazione calda. Come immergermi un gradino alla volta in una vasca di acqua bollente. Sento che è doloroso, ma anche rilassante.
Non so cosa glie lo abbia suggerito; forse intuito da Dominante, o capacità di leggere le sensazioni del sub, o semplice sadismo: mi passa le dita lungo gli aghi inseriti; e poi preme. Preme sugli aghi, sulla carne trafitta; preme forte e mi suona.
Sono così terribilmente stanca. La stanchezza mi diluisce il cervello, e le endorfine entrano da ogni dove. Ho un singulto, poi un altro, poi gemo. Mi rendo conto che emetto gli stessi versi rochi di quando godo, ed in effetti il dolore è intenso e potente come una scarica di piacere. No, non provo piacere in senso sessuale – provo il piacere del dolore. Me ne abbevero e vorrei che non smettesse, che mi precipitasse sempre più a fondo in questo pozzo bagnato e caldo, in quest’acqua torbida che mi lambisce e mi sommerge. La stanchezza gioca con Lui, diventa sua alleata e gli apre le porte del mio essere. Non posso opporre nessuna resistenza. Mi lascio affogare.

Rimango confusa per ore, dopo, a bearmi di questo abbandono, di questa inaspettata sessione di dolore che credevo di non essere in grado di sopportare.
_

Needles Play for Sadists – The Piano from SadicaMente on Vimeo.

Top/bottom

“…ffnd…”, mugugno.
Li sento spostarsi verso di me all’unisono per un “EH?” che mi suona detto in un sorriso.
“…Affonda”, ripeto a voce più alta, scandendo.
“Cosa?”, chiede lei.
“Le unghie”, sorrido io.
Poi è come immergersi in una vasca di acqua bollente dopo una giornata terribile. Brucia ed è meraviglioso e liberatorio e azzera finalmente tutti quegli stupidi pensieri che mi ronzano in testa. Mi lascio sommergere dai graffi, unghie appuntite che affondano e mi rigano la pelle; i miei strilli si strozzano in singulti e mi appendo ai lacci, in punta di piedi, avanti e indietro per sfuggire e per sentire.

Non riesco a non dare loro del lei.
Non riesco a guardarli negli occhi, che tengo bassi quando non sono bendata.

Mi lascio andare alle sensazioni, serena; so di poter dire sì, no, più piano, più forte, e lo faccio. Mi permettono di scegliere gli strumenti e poi giocano, scambiandioli: il limite diventa solo un pretesto per la creatività.
Mi era mancato tutto questo: il dolore, la sorpresa, il flusso di sensazioni; il colpo improvviso che mi sospinge nel subspace, il colpo crudele che mi riporta giù. La carne che riceve, che si apre, che si bagna; il senso di abbandono, di arrendersi. Resto nuda in ogni senso possibile e mi sento al sicuro coi miei torturatori; al di là della benda che mi chiude gli occhi, sono due e sono uno: si muovono insieme, uniti sopra di me, complementari e armonici ed io gioisco della loro gioia, specchio di carne da martoriare.
Ad un certo punto penso di non farcela oltre, che non ci sia più margine per fare altro. Invece mi stendono e scopro di poter sentire ancora di più: la cera calda mi investe come un torrente in piena e mi trascina via con sé, sciogliendo anche la mia coscienza.

Rimane di me una polpetta di carne segnata e felice, scondinzolante di gratitudine.

Puntini di sospensione 

È sempre sulle braccia che mi segno. 

Il giorno dopo essere stata legata, trovo piccoli segni rossi subito sotto i deltoidi. Sono come puntini di sospensione – ed è un termine invero appropriato. Tratteggi curvi appoggiati sulle mie braccia, ricordo di un abbraccio ruvido, stretto, nel quale mi sono abbandonata a peso morto. 

Un tempo farmi legare non mi interessava granché. Ora invece mi coinvolge, mi fa spegnere la testa; chiudo gli occhi e non sono più lì – e ci sono ad un livello tale che non sono raggiungibile. Sento i suoni esterni ovattati, lontani; non mi riguardano. Ansimo, sospiro. Mi piace sentire la scomodità della posizione, il segare della juta, il tocco del rigger che mi sposta e mi avvolge in queste spire. 

Mi lascio appendere e semi-sospendere. Mi abbandono sicura di non cadere. Tiro per il puro piacere di sentire la rigidezza delle corde che grattano e mi si incidono nella carne. Il senso di costrizione mi fa sentire libera e protetta. 

Il giorno dopo mi guardo le braccia, accarezzo quei lievi tratteggi e sorrido.