Difetti

Ammiro la meraviglia del puro dono di sé, al di là del dolore e del tornaconto di piacere. Ne sarei in grado? Non so.

Io sono masochista, sub, e terribilmente egoista.
Una persona mi disse: noi slave abbiamo dei caratteri di merda.
A suo tempo pensai: non è vero: vivo per donarmi. Invece no: mi faccio frustare per godere, mica per altro. Faccio certe cose perchè mi piacciono.
Un’altra persona mi disse: devi imparare a darmi piacere come piace a me, anche se a te non piace; sono io il Dom, non sono io a dovermi piegare ai tuoi desideri, ma tu ai miei.
Ricordo che il discorso mi sembrava corretto, nella teoria, ma mi rendevo altresì conto che non volevo. Volevo che mi venisse fatto quello che piaceva a me.
Egoista, egocentrica: frustami e fammi male, ma fammi sentire che sono io al centro. Lavora per me. Per la mia gloria, per il mio piacere, per le mie sensazioni.
Egocentrica, esibizionista: esponimi e umiliami, ma fammi vedere da tutti, fammi sentire che tutti guardano me, che tutti mi ammirano. Che tutti mi desiderano.
Abbandonarsi alla Sua mano, ma con la certezza del controllo, la safeword in mente, i muscoli tesi non tanto dal dolore ma dalla rigidità dell’avere il piede pronto sul freno. Frustami. No, non lì, qui. Battimi. No, più piano, più forte, qua. Insultami. Dimmi questo e questo, non quello.
Anche da bambina, quando giocavo con mia madre, le dicevo le sue battute e cosa doveva dire, nel gioco, e poi la incalzavo: "Dai, dillo!". Controllo assoluto. Si gioca come dico IO, la persona più importante.
In ordine di importanza: io, me stessa e me. Poi, forse, dopo, gli altri.

Non va bene, non va bene. Mi irrigidisco, mi tendo, perdo piacere nella ricerca del controllo. Più tento di avere certezza che tutto sia in mano mia, più tutto mi scivola tra le dita per infrangersi a terra.
Poi arriva il terrore: non posso controllare tutto, qualcosa scappa, se scappa qualcosa scappa tutto, se scappa tutto non controllo niente: panico. Tutti mi guardano, ma non più per desiderarmi: mi deridono, lo sento. La frusta morde e fa solo male, dove sono finite le mie endorfine? Il mio Padrone mi stringe perchè cado, cado. L’ho deluso. No, ho solo il terrore di averlo deluso, per la paura che mi attanaglia il cuore, per non essermi davvero abbandonata a Lui.

Rilasciare i muscoli, aprire i cancelli del cuore; il corsetto deve stringere la carne, non le emozioni.
Imparare a donarmi, a dare me stessa come oggetto di cui disporre, ritirare il controllo, abbandonare l’ansia, permettere all’angoscia di evaporare. Va tutto bene: se smetto di guardare il mondo non scompare. Non dipende tutto da me. Posso lasciarmi andare.
Posso lasciarmi andare.

4 commenti

  1. Ne dom, ne sub, ma persone. Masochismo, sadismo, legare, essere legati, ma tutto nel rispetto dell’essenza della persona. C’è chi comanda in modo palese, c’è chi manovra in modo celato, ma tutto vive e passa attraveso il rispetto dell’essenza. :)

  2. La safe word è sacra, d’obbligo concederla allo schiavo, l’uso della stessa non dev’esserne d’abuso da parte dello stesso!
    L’ho detto molte volte… Ti domino perchè ti desidero, ti desidero come voglio io, a te l’arduo compito di trarre piacere dall’avermi soddisfatta!
    Se per errore, dovessi causarti un dolore sia fisico o psicologico troppo grande da sopportare, ben venga la safe word. E’ dovere da parte mia concedertela, ma è un obbligo tuo, il non abusarne!
    Resistere per il godimento del proprio Padrone o Padrona è il dovere di ogni schiavo… ed io lo pretendo!

    Lady Beth

  3. Vedo nel tuo profilo che ti piacciono i libri. Sul mio blog potrai trovare numerosi consigli di lettura…

  4. "…noi slave abbiamo dei caratteri di merda. "  vero " A suo tempo pensai: non è vero: vivo per donarmi. Invece no: mi faccio frustare per godere, mica per altro. Faccio certe cose perchè mi piacciono."Sei avanti, sei alla consapevolezza: l'aver deciso di non darsi più alibi "lo faccio solo per un fine superiore (te, amore, donarmi, ecc) ora ti rende conscia e piena di quello che sei.Benvenuta fra coloro che sanno che l'unico dio che conta è l'io.Ora tutto sarà più difficile, ma più gustoso ;-)C_


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.