Non voglio più

Dal piacere più intenso al dolore più atroce.
Dall’eccitazione più voluttuosa all’angoscia più parossistica.
In un istante.

Non è facile la mia via, ancora dopo anni la strada è accidentata, cado, mi sbuccio le ginocchia e piango. Piango.
E mugolo "non voglio più".
Come se chiudermi al mondo, a me stessa, alle mie oscure pulsioni potesse liberarmi e placarmi, potesse farmi stare bene. La ghisa non sente, il ghiaccio non ode, il piombo non soffre. Invece sì. Intrinsecamente.

Voglio ancora, invece.
Mi rialzo, mi asciugo le lacrime. Ancora una volta, sulla via. Imparato qualcos’altro, un altro frammento di me va a posto e ne appaiono altri, prima invisibili, da sistemare.
Il dolore viene sparso, schizza i volti delle persone a cui voglio bene; lavarlo via è sempre difficile. Ma è l’unica cosa da fare.
E riprendere il cammino, più sincera, più completa, più segnata di prima.

Ed è giusto così. Il cuore si rimargina piano, nuove cavità accolgono nuove sensazioni, all’infinito. E’ immenso e solo io non me ne rendo conto.
Posso amare all’infinito.

Annunci

1 commento

  1. E se lo vorrai ci sarà sempre una vecchia zia con la quale sfogarti senza farti problemi!!!Bacio bimba!!


Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.