Io ho troppa fame

Ho troppa fame
troppi desideri
e questi desideri mi
s c a v a n o
dentro
mi consumano
Se non vengono soddisfatti
mi mangiano
pezzo a pezzo
e io mangio tutto il cibo che trovo
per riempire questo vuoto dentro di me
il vuoto della caverna
scavata dal mio desiderare insoddisfatto

Ci provo
Ci provo a non farmi aspettative
a divenire ricettiva, pacata
ad attendere ciò che verrà senza proiettarmi in avanti
Giuro che ci provo
ma è più forte di me
Anelo
mi getto sul banchetto coi denti snudati, avida
sbavando
una leonessa fuori controllo
Voglio, voglio, VOGLIO

E più voglio
meno ottengo.
La mia soddisfazione si allontana sempre più dalla mia portata
L’albero ritrae i suoi rami
e ride della mia fame

O imparo davvero, dolore dopo dolore, insoddisfazione dopo insoddisfazione, a sopire questo mio desiderare incontrollato, vorace, a lasciarlo a cuccia, oppure impazzirò.
Ma ogni volta che ottengo, invece, ciò che desidero, ogni volta che mi viene concesso, la FAME si risveglia rinnovata, feroce, insaziabile, crudele; e non smetterei più.
Torna a dominarmi, incontrastata, la Voglia.

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...