Braci sotto la cenere

Posted by

La stanchezza mi spegne: mi pare di non avere nessuna voglia di nulla. Non mi va nemmeno di masturbarmi. In questa condizione il denial non funziona: se mi viene tolto qualcosa di cui non ho voglia non è interessante.

Mi rendo conto che è una strategia di sopravvivenza, la mia. Perché se non ho la possibilità di fare BDSM – per mille motivi, gli impegni, il lavoro, altre priorità, adesso pure la pandemia, eccetera – vado in letargo. Sopisco anche la speranza di poterlo fare. Se non spero, non posso restare delusa; se non ho aspettative, non potranno venire disattese. E comunque, apparentemente non ho più voglia, quindi vado bene così.

In realtà non vado per niente bene. Sono sempre di malumore, malmostosa. Vorrei avere voglia e non ce l’ho.

Ma io lo so che ce l’ho, in verità: è solo che non si vede. Il mio corpo la conserva al caldo, in un luogo nascosto dentro di me, pronta ad essere smossa, svegliata. Come braci sotto la cenere. Ravvivare quel fuoco è semplice, ed ogni volta mi stupisco di quanto sia facile riaccendermi, con gli stimoli giusti.

La parte difficile, forse, è restare aperta al pensiero di riceverli; imparare a non credere a quella falsa mancanza di voglia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.