L’istante eterno dell’orgasmo

Posted by

Ti chiedo il permesso di venire e mi dici di no. Continuo a toccarmi ma soffro. Gemo, contraggo i muscoli e cerco di non venire. 

Chiedo di nuovo. Supplico. Me lo neghi. Intanto guardo, in ginocchio accanto al letto, la gelosia che mi accende e mi eccita, il senso di appartenenza, l’umiliazione, tutto vortica dentro di me e mi fa colare tra le gambe. 

Imploro. Sono la tua cagna. Mi concedi l’orgasmo. Ringrazio. 

Mi contraggo dentro e quello che sento è devastante: dura pochissimo, eppure dura per sempre. Sento tutto. E’ una sensazione così effimera e sfuggente, eppure mentre mi sconquassa è assoluta, non c’è nient’altro: solo il momento presente, l’appartenenza al Padrone, l’umiliazione di essere in ginocchio a guardare lui con lei, lo sputo che mi cola in faccia, le gambe larghe, l’alba che filtra dalle finestre chiuse, la voce di lei che ansima e strilla. 

Mi tremano le gambe, le viscere ritorte, il sesso contratto fino quasi ad essere doloroso. 

Sono felice di essere qui, a terra, a vivere questo con te, con lei. Non lo avrei creduto possibile. Ma il corpo ha la sua verità e in questo istante infinito è l’unica verità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.